Profumo: come scegliere quello giusto in 6 step

di Valentina Grispo / 12 aprile 2021

Entrare in profumeria con le idee poco chiare è un errore, il rischio è di uscirne a mani vuote e con il mal di testa, oppure ancora peggio di comprare una fragranza “per sfinimento” per poi arrivare a casa e pensare “non mi piacechi me l’ha fatto fare?”.

Profumo: come scegliere in 6 step

E state certe che vedersi costrette ad indossare ogni giorno un profumo che non fa per noi, pur di terminarlo, può essere una vera e propria tortura. Meglio quindi avere tutte le armi per non sbagliare e scegliere la fragranza che ci piace davvero. Le fragranze d’altra parte sono come degli abiti, si indossano per tutto il giorno, quindi è importante che siano coerenti con lo stile e i gusti di chi le “indossa”.

Si chiama identità olfattiva.

1. Cara amica mouillette

Ogni profumo ha la propria identità e si riconosce a prescindere dalla pelle che lo porta, la prima volta che vi approcciate ad un profumo, quindi non fare l’errore di provarlo sul polso, il profumo va sempre provato su un cartoncino, chiedi una mouillette alla venditrice, se vuoi tirartela un po’, è il nome dei cartoncini di cui tutte le profumerie sono provviste.

Solo così potrai sentire le cosiddette note di testa, di cuore e di fondo e apprezzarlo davvero.

2. No agli acquisti affrettati

Non si va in profumeria con i minuti contati, non stai acquistando il biglietto del tram, stai acquistando prima di tutto un’esperienza. Prenditi il tempo per conoscere le fragranze che ti incuriosiscono. Chiedi di avere dei campioncini, cerca di familiarizzare con l’essenza, spruzzala magari sui vestiti e porta con te l’odore. Con i profumi spesso non è un colpo di fulmine, ma un amore che matura col tempo

3. Cameriere, un caffé! 

Se sei in profumeria e sei indecisa fai un coffee break, non scherziamo, vai al bar, ordina un caffé, ti aiuterà a neutralizzare l’olfatto e a far sentire la fragranza sul polso con più lucidità e consapevolezza.

4. Cambiare è bello!

Ci sono persone che indossano lo stesso profumo per vent’anni quasi avessero stretto un patto di eterna fedeltà olfattiva con la boccetta. Ma perché precludersi un universo di fragranze, essenze e profumi chiudendosi ad una e una sola scelta ? Il profumo si sceglie in base all’umore, allo stile, a ciò che piace in un determinato periodo, il bello come in tutte e cose è poter cambiare e poter scegliere ciò che ci rappresenta. Lanciati!

5. Quando scegli un profumo considera la stagionalità

Profumo: come scegliere bene quindi? Da tenere in mente che i profumi estivi sono diversi da quelli autunnali o invernali. Il profumo è una sostanza complessa, e gli olii essenziali rendono diversamente a seconda delle condizioni climatiche, come la temperatura e l’umidità. Indosseresti mai un maglione in mohair in agosto?

6. Non testarne troppi (annusane al massimo tre)

Ti avvisiamo, l’olfatto dopo un po’ non riesce a riconoscere più gli odori in modo distinto e va in tilt. Succede quando ce ne sono troppi nell’aria e si mixano insieme. Per questo è importante iniziare con un massimo di tre profumi e, se non si è soddisfatti, uscire all’aria aperta per neutralizzare l’olfatto e proseguire alla ricerca della fragranza perfetta.

Hai già provato Vamp! Eau De Parfum?

E a proposito di profumi, ti presentiamo VAMP! Eau de Parfum di Pupa Milano. Una fragranza che celebra ogni donna in quanto unica e autentica, ma che è unita a tutte le altre donne da un inequivocabile elemento che le contraddistingue: la femminilità. La femminilità ha molti volti, ciascuna con la propria anima e ogni donna la interpreta a modo suo, attraverso il proprio carattere, la propria anima e il proprio stile.

 

Per questo Pupa realizza un profumo declinato in tre versioni PINK, RED e BLACK che esprimono diversi volti della femminilità: irriverente e sensuale, rock e audace, luminosa e romantica. Il profumo diventa così un’arma potente per sentirsi sempre più se stesse e assolutamente uniche.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

scopri il mondo pupa